E’ obbligatorio venire a ritirare i sacchi/contenitori?

Si. Dal 1 settembre 2021 il rifiuto secco indifferenziato sarà raccolto solo se inserito nei sacchi azzurri dotati di TAG, da ritirare presso i punti di distribuzione indicati nella lettera consegnata a ciascuna utenza.

Non posso recarmi a ritirare la mia dotazione di sacchi nel giorno e nel luogo indicato sul modulo che mi è stato consegnato, come posso fare?

Sarebbe opportuno presentarsi a ritirare la propria dotazione nel giorno indicato nelle lettere consegnate a ogni utenza, così da evitare assembramenti e lunghe attese. Qualora non fosse possibile, sono previste due possibilità:
– Delegare altre persone al ritiro, compilando il form di delega presente sul modulo per il ritiro dei sacchi consegnato a tutte le utenze
– Recarsi al punto di ritiro in un altro giorno tra quelli dedicati alla distribuzione delle dotazioni di ciascun quartiere, come indicati in questa tabella.

Quanti sono i sacchi in dotazione a ciascuna utenza?

Le dotazioni sono calcolate in base alla tipologia di utenza. In generale è prevista una dotazione di 30 sacchi da 60 litri per le utenze domestiche e di sacchi da 60 o 100 litri (in numero variabile a seconda della categoria e della superficie a ruolo) per le utenze non domestiche.
Ciascuna dotazione è calcolata per bastare almeno 12 mesi.
Per alcune utenze non domestiche specifiche, è prevista la consegna di contenitori rigidi.

Che cosa devo fare se finisco la dotazione di sacchi azzurri?

Facendo una corretta raccolta differenziata ed esponendo il sacco azzurro solo se pieno, la dotazione basterà per almeno 12 mesi. Qualora la dotazione non risultasse sufficiente, rivolgersi al numero verde 800.173803.

Da quando sarà obbligatorio l’utilizzo dei sacchi azzurri con TAG per la raccolta del secco?

Dal mese di settembre 2021: a partire da mercoledì 1 settembre, per il secco dovranno essere esposti solo i sacchi azzurri con TAG consegnati a tutte le utenze.

Cambieranno giorni e frequenze di raccolta del secco?

No. Giorni, orari e frequenze di raccolta del secco non cambiano.

Cambia qualcosa per le altre raccolte differenziate?

No. Per carta, plastica, vetro/lattine, umido e scarti vegetali non cambia nulla: modalità di raccolta, modalità di esposizione, giorni e frequenze di raccolta RESTANO INVARIATI.

Posso usare i sacchi azzurri per altri motivi (raccolta plastica o uso personale)?

No. I sacchi azzurri con TAG sono da utilizzarsi ESCLUSIVAMENTE per la raccolta del secco.

Posso inserire sacchetti diversi all’interno del sacco azzurro?

Solo se necessario e solo se trasparenti.

Posso continuare ad utilizzare i sacchi neri, i trespoli o altri contenitori per esporre il secco indifferenziato?

No. Dal 1 settembre 2020 saranno raccolti solo i sacchi azzurri dotati di TAG (per utenze domestiche) e svuotati solo i contenitori specifici con TAG (per utenze non domestiche).

Che cosa succede per chi ha attivato il servizio di ritiro supplementare di pannolini/pannoloni?

Il servizio di ritiro supplementare dei pannolini/pannoloni RESTA INVARIATO: continuare ad esporre i pannolini/pannoloni nello specifico sacco viola il giorno concordato per il ritiro supplementare.

Esiste un controllo sulla qualità dei rifiuti conferiti?

Sì, come in precedenza non saranno ritirati i rifiuti raccolti in sacchi non taggati oppure contenenti materiali oggetto di altre raccolte differenziate.

Se ho dubbi su cosa (non) conferire nel secco, cosa devo fare?

In caso di dubbi, sono a disposizione sia il glossario rifiuti del sito che quello dell’app rifiutiAMO. Oppure è possibile chiamare il numero verde gratuito 800.173803.

Da quando verrà applicata la tariffa puntuale?

Non prima dell’anno prossimo: l’introduzione effettiva della tariffa puntuale avverrà dopo almeno 12 mesi di misurazione puntuale ovvero dopo almeno 12 mesi di utilizzo dei sacchi azzurri con TAG.